Giambattista Zelotti

Nato a Verona nel 1526, fece il suo apprendistato, nella bottega di Antonio Badile, assieme a Paolo Veronese con il quale realizzò le sue prime opere (affreschi della Villa Soranzo a Treville e alcuni soffitti del Palazzo Ducale a Venezia).
Lo Zelotti, le cui pitture erano in perfetta sintonia con gli ideali che guidavano la progettazione palladiana, fù uno dei più fedeli collaboratori dell'architetto vicentino. Lo troviamo presente a Lonedo (Villa Godi), a Pojana Maggiore (Villa Pojana - atrio e sala con volta a botte), a Mira (la Malcontenta), a Fanzolo (Villa Emo), a Caldogno (Villa Caldogno).
Caratteristica principale degli affreschi zelottiani è il gusto illusionistico: le pareti vengono scandite da elementi architettonici che inquadrano paesaggi sui quali si svolgono episodi di storia antica, scene mitologiche o quadretti di vita quotidiana. L'iilusione scenica consente, così, di rompere il limite delle pareti e di spaziare nella natura, sottolineando l'armonico rapporto col paesaggio.
Allo Zelotti spettano altri importanti cicli decorativi, tra i quali gli affreschi (oggi perduti) della facciata del Monte di Pietà di Vicenza e quelli del Castello del Catajo a Battaglia Terme.
Morì a Mantova nel 1578.





©1995-2007 - Silvia Colla e Alberto Nardi (EMAIL:a.nardi@inews.it)
Pagina pubblicata grazie a ASH multimedia